Beauty

[Review] Shampoo Salvia e Limone – LA SAPONARIA

Non sono certamente una delle persone più veloci a recensire cosmetici; a volte provo i prodotti per mesi prima di parlarvene perché nel corso del tempo la mia opinione può cambiare radicalmente.

Dopo essere arrivata alla fine del secondo flacone riesco finalmente a darvi una mia opinione completa sullo shampoo naturale ai semi di lino Salvia e Limone de La Saponaria. Qualche mese fa ve ne parlai (brevemente) entusiasta ma qualche difettuccio l’ho trovato anche a lui.

Packaging e prodotto

Il pack è minimale ed è composto da un flacone bianco con tappo a pressione che può essere anche svitato e, volendo, riutilizzato (le spignattatrici potrebbero apprezzare questa confezione).

L’etichetta è gialla e in materiale plastico; nonostante fosse a costante contatto con l’acqua e l’umidità, non si è rovinata e le scritte non sono scolorite. Sono l’unica a cui danno fastidio le etichette che si staccando o decompongono?
Lo shampoo è di un colore paglierino e ha una densità media; esce con facilità seppure il foro del tappo sia ristretto.
All’interno della confezione sono contenuti 200 ml di prodotto con un pao di 6 mesi.
E’ uno shampoo bio che, ovviamente, non contiene sles, ogm, peg o parabeni ed è stato ideato per prevenire la forfora ed è ideale per i capelli grassi.
La formula è concentrata e, come tutti gli shampoo di questo genere, è consigliabile usarli dopo averli diluiti con dell’acqua in modo che non siano troppo aggressivi.

Gli ingredienti

Aqua, Salvia Officinalis Water, Coco-Glucoside, Sodium Coco-Sulfate, Glycerin, Moringa Pterygosperma Seed Extract, Panthenol, Linum Usitatissimum Seed Extract, Urtica Dioica Leaf Extract, Glyceryl Oleate, Citrus Limon Fruit Oil, Potassium Undecylenoyl Hydrolyzed Wheat Protein, Salvia Officinalis Oil, Sodium Chloride, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Sodium Dehydroacetate (preservante), Benzyl Alcohol (conservante), Sodium Phytate, Citric Acid, Limonene (allergene del profumo), Linalool (allergene del profumo), Citral

La mia opinione

Ho iniziato ad usare questo shampoo alla fine della scorsa estate e l’ho utilizzato quasi ininterrottamente fino a qualche giorno fa.
La presenza degli estratti di salvia, limone e ortica aiuta, senza dubbio, a normalizzare la produzione di sebo che risulta abbondante nei soggetti con capelli grassi.
L’ho sempre utilizzato diluito per evitare che fosse troppo aggressivo sulla mia cute già sensibile. La saponaria consiglia di aggiungere fino ad 1/3 di acqua ma io, per abitudine, ne aggiungevo di più pur lasciando invariato il suo potere lavante. Sono, infatti, abituata a fare due lavaggi e aggiungendo più acqua riuscivo ad ottenere la dose perfetta.
Essendo una persona che ha avuto seri problemi di capelli grassi posso dirvi che funziona benissimo (prima di passare agli shampoo ecobio avrei dovuto lavare i capelli tutti i giorni).
Sgrassa bene la cute lasciando i capelli puliti per almeno 2 o 3 giorni (chi ha problemi di cute grassa sa quanto sia una conquista questo).
Nonostante la mia opinione fosse completamente positiva fino a qualche mese fa, ho avuto modo di ricredermi. Arrivando verso la fine del secondo flacone, infatti, ho notato che i capelli non rimanevano più puliti a lungo come prima e ha inziato a procurarmi un po’ di prurito alla cute accentuando il problema della desquamazione che in certi periodi dell’anno mi affligge (maledetta!).
Per questo motivo, continuo a consigliarvelo perché è un ottimo shampoo ma solo se alternato ad altri prodotti; utilizzato da solo e per un periodo prolungato risulta un po’ aggressivo.

Prezzo e dove acquistarlo

Il prezzo è di 8 euro e, seppur possa sembrare caro, posso assicurarvi che dura parecchi mesi. Lavandomi i capelli 2/3 volte a settimana riesco a far durare un flacone 4/5 mesi.
Potete acquistarlo su numerosi siti online. Io l’ho preso da Cosmetici EcoBio perché, essendo nel mio paese, posso usufruire della consegna a mano.

Io sicuramente l’ho ricomprerò ma vorrei alternarlo ad altri shampoo; quali mi consigliate (naturalmente ecobio)?

You Might Also Like

20 Commenti

  • Reply
    Frivolezzerosa
    29 aprile 2015 at 8:51

    Confermo che non sei l'unica a detestare le etichette che si spappolano nella doccia! 🙂
    Io mi trovo benissimo con gli shampoo dei provenzali, ormai li utilizzo da tantissimo tempo e ho i capelli che non fanno più una doppia punta, morbidissimi e che rimangono puliti per un bel po'. Questi shampoo della saponaria però prima o poi credo che li proverò perché ne ho sempre sentito parlare benissimo! Ciao Fede! 🙂

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 11:59

      Sara!! Mi credi se ti dico che la sera prima che lasciassi questo commento mi sei venuta in mente tu?? Strana la vita!! Gli shampoo de I Provenzali vorrei provarli già da un po'! Un bacione.

  • Reply
    Silya
    29 aprile 2015 at 10:12

    Anch'io lo uso e lo adoro, per i capelli grassi è lo shampoo ideale! Lo utilizzo sempre alternandolo ad altri shampoo però, sto trovando ottimo lo shampoo antiforfora Yves Rocher, ha un buon inci anche se non è bio, è delicato e lava bene i capelli lasciandoli leggeri, ^_^ Invece ti sconsiglio quello per capelli grassi della stessa marca, è troppo aggressivo, mi irritava terribilmente la cute ç_ç

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:09

      Sì il problema degli shampoo per capelli grassi è proprio quello di essere troppo aggressivi. Vado sempre con i piedi di piombo nella scelta perché non vorrei ritrovarmi con irritazioni non gradite.

  • Reply
    Foffy
    29 aprile 2015 at 10:38

    Se alternato permane la sua funzionalità, quindi penso sia fattibile 🙂

  • Reply
    Véronique Biologique
    29 aprile 2015 at 10:58

    Anche io afflitta dai capelli grassi, e anche a me è piaciuto parecchio. Però sì, sicuramente è da alternare ad altri shampoo per non aggredire troppo la cute nel tempo!

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:13

      Assolutamente! Ora l'ho imparato 😀

  • Reply
    Ariel Make Up
    29 aprile 2015 at 11:05

    Io lo alterno col fratellino Extravergine, mi trovo benissimo con entrambi! 😀

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:14

      Ho provato un campioncino dell'extravergine ma non sono riuscita a capire se mi piaccia o meno.

  • Reply
    Audrey Borderline
    29 aprile 2015 at 12:12

    da provare 😉

  • Reply
    Sakura
    29 aprile 2015 at 13:53

    Interessante questo shampoo, io in realtà che siano prodotti bio o meno, non posso mai usare uno shampoo per più di un flacone perché è come se i capelli si abituano al prodotto e non rispondono più alla sua azione. Sicuramente mi piacerebbe provarlo 😉

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:21

      E' la stessa impressione che ho avuto io con il secondo flacone. Alternare i prodotti può essere sicuramente efficace.

  • Reply
    Aishettina
    29 aprile 2015 at 13:59

    Come.prodotto sembra davvero ottimo 🙂 magari provare qualcosa di diverso perché non avendo la cute grassa potrebbe essere super aggressivo per me! Grazie comunque per avermi fatto conoscere un nuovo marchio bio 🙂

    http://www.aishettina.blogspot.it

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:27

      Potresti provare l'extravergine allora 🙂

  • Reply
    francimakeup
    29 aprile 2015 at 14:16

    Non sei l' unica anche io odio quando le etichette si sfaldano anche nei detersivi per dire

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:39

      Anche io!!! Mi da un senso di disordine.

  • Reply
    Roberta Romeo
    29 aprile 2015 at 22:05

    Interessante questo prodotto, chissà come reagirebbe la mia cute a uno shampo bio come questo…
    http://www.milleunrossetto.blogspot.it

    • Reply
      Federica
      6 maggio 2015 at 12:40

      Se è già abituata agli samphoo bio credo che reagirebbe bene 😉

    Inserisci un commento